ClickCease

• LE TENDENZE DEL MARKETING PER IL 2024 •

Quando si parla di marketing, dal brand appena nato ai grandi marchi, le parole d’ordine sono aggiornarsi, imparare e sperimentare. Per questo motivo qui abbiamo raccolto i trend del marketing per il 2024 facendoci ispirare dallo studio e dai dati raccolti da Kantar.

In questo articolo conoscerai le tendenze macro e micro che i marketer devono considerare come parte del percorso di crescita del marchio per il 2024. Dall’AI allo studio dei comportamenti, dalla sostenibilità ai dati, in questo articolo scoprirai alcune delle tendenze chiave che vedremo emergere e crescere nel corso dell’anno appena iniziato.

Intelligenza artificiale e valori reali

1. Uso dell’intelligenza artificiale
Secondo il report di Kantar, il 67% dei marketer è fiducioso sulle possibilità dell’intelligenza artificiale (AI). Questo ottimismo indica una rapida ed entusiasmante adozione della nuova tecnologia: il settore sta esplorando le opportunità di utilizzare la AI.
Abbiamo già visto marketer e agenzie sperimentare la AI per avere nuovi impulsi nella fase di ideazione, nella creazione di visual e copy. Nel 2024, poiché l’intelligenza artificiale offrirà maggiori opportunità di efficienza e creatività, ci saranno ancora più contenuti in competizione tra loro. In questo panorama, la necessità di comprendere l’efficacia dei contenuti creativi crescerà ulteriormente e coloro che utilizzeranno approcci di misurazione dell’AI all’altezza saranno più preparati a vincere la gara per conquistare il pubblico di riferimento.

2. Attenzione al contesto culturale e ai valori
La cultura viene prima di tutto: i marketer lo sanno che è fondamentale questa attenzione per entrare in contatto con i consumatori. Il successo di una campagna infatti arriva quando il marketing si allinea con i valori culturali del target di riferimento, mentre si perde quando il marketing li offende.
Il monitoraggio di Kantar negli Stati Uniti rileva che quasi due terzi delle persone apprezzano i marchi allineati con i loro valori personali. A livello globale, l’80% dei consumatori dichiara di sforzarsi di acquistare da aziende che sostengono cause importanti per loro.
Tuttavia l’acquisto non è l’unico modo in cui i consumatori esprimono le loro preferenze culturali. I consumatori si espongono sempre di più quando i marchi non sono in linea con la loro cultura e questo nuovo terreno di consumatori più esigenti è sempre più conflittuale. Guardando al 2024, il rischio di confronto deve essere integrato nella pianificazione del marketing.

3. Il peso dei social e degli influencer
I contenuti degli influencer sono il canale online preferito dai consumatori per la pubblicità (Media Reactions 2023). La metà dei marketer a livello globale afferma di aver investito in contenuti di influencer nel 2023 e il 59% dichiara che aumenterà la spesa per gli influencer nel 2024.
Come le celebrità, le azioni degli influencer hanno un impatto sul marchio con cui lavorano, quindi è necessario fornire loro parametri chiari, pur rimanendo autentici.
Il controllo dei marchi sta quindi diminuendo?
Se i marchi decidono di prendere posizione, devono fare attenzione a non essere inappropriati (di proposito o meno). I responsabili del marketing dovranno diventare più attenti al contesto e imparare a gestire eventuali contraccolpi ai loro contenuti o a quelli degli influencer sui social media. I marchi che si esprimono in modo coerente con il loro DNA e che difendono ciò in cui credono possono essere certi di farsi strada nel cuore dei consumatori.

4. Misurare l’attenzione con l’AI
I marketer stanno riconoscendo che l’attenzione è stratificata e che le esigenze di misurazione dell’audience si stanno evolvendo oltre la visibilità. È quindi sorprendente che le misure di visualizzazione comportamentale (come il tempo di visualizzazione) siano ancora l’approccio dominante per la misurazione dell’attenzione (il 62% dei marketer lo preferisce, secondo Kantar Media Reactions 2023).
Ma vediamo anche una tendenza a comprendere più a fondo la qualità dell’attenzione dei consumatori, ed è qui che le tecniche di codifica facciale e di eyetracking stanno guadagnando importanza. Queste tecniche sembrano sempre più destinate a fondersi, dato che alcuni fornitori di codifica facciale ora includono una componente di misurazione dello sguardo.
Le previsioni di attenzione basate sull’intelligenza artificiale vengono utilizzate meno delle tecniche di osservazione. Tuttavia, non sorprende che l’uso delle previsioni di attenzione basate sull’IA sia in aumento. Nel 2024 sono destinate a svolgere un ruolo più importante, consentendo ai marketer di misurare l’attenzione su scala per gli annunci digitali.

5. Misure olistiche del successo di una campagna
Le metriche aziendali evidenziano sempre più l’importanza della creazione di valore a lungo termine, dell’inclusività, della comunità positiva e dell’impatto ambientale.
Secondo il rapporto Sustainable Marketing 2030 di WFA e Kantar, la presenza di metriche di sostenibilità è aumentata. Nel 2023, il 42% delle aziende incorporerà queste metriche, rispetto al 26% del 2021.
Nel 2024 si assisterà a uno spostamento verso l’innovazione sostenibile, la comunicazione inclusiva e le iniziative strategiche per promuovere la fiducia. Si tratta di bilanciare lo sviluppo del marchio a lungo termine con il marketing di prodotto e le metriche a breve termine. I consumatori sono sempre più alla ricerca di aziende che contribuiscono a soluzioni ambientali e sociali, come dimostra la crescita del 31% dei marchi di sostenibilità Kantar BrandZ classificati al primo posto nel 2021, rispetto al 23% dei primi 100 marchi. Bilanciare profitto, pianeta e persone non deve essere un compromesso ma può essere una valida strategia aziendale.

Innovazione, sfide e misurazione dei dati

1. L’innovazione per la crescita sostenibile
Secondo i dati BrandZ 2023 di Kantar, i marchi percepiti come innovativi consentono una crescita tre volte superiore rispetto a quelli che non lo sono.
I marketer riconoscono la necessità di fare un passo avanti nell’innovazione, in particolare nell’innovazione sostenibile. Oltre la metà degli esperti di marketing (57%) concorda sulla necessità di innovare per ottenere un vantaggio competitivo in questo settore (Kantar sustainable marketing 2030).
In occasione dei Kantar Outstanding Innovation Awards 2023, sono stati identificate cinque caratteristiche comuni ai marchi che hanno ottenuto un vantaggio competitivo attraverso l’innovazione:

  • sono incentrati sul consumatore;
  • costruiscono le loro innovazioni a partire da solide fondamenta del marchio;
  • plasmano il futuro della loro categoria;
  • sono tipicamente all’avanguardia in materia di sostenibilità.

Tutto questo grazie al coraggio, alla sperimentazione e all’aggiornamento costante.
L’innovazione dovrebbe essere e sarà una tendenza forte nel 2024 per i marchi che vogliono trovare la strada migliore per una crescita incrementale.

2. I piccoli marchi che sfidano vincono
Negli ultimi anni il settore dei prodotti di largo consumo ha subito un cambiamento: i piccoli marchi esploratori e sfidanti hanno superato molti grandi marchi storici. I dati di Kantar Worldpanel 2023 mostrano che i marchi con una penetrazione inferiore al 10% stanno guadagnando terreno a livello globale. Kantar Brand Footprint 2023 mostra che 1 acquirente su 2 preferisce, quando possibile, acquistare da aziende più piccole piuttosto che da grandi marchi globali.
I micro marchi stanno guidando una crescita sproporzionata dei prodotti di largo consumo perché cercano di sfidare concetti, idee, esigenze dei consumatori e cercano anche di cambiare in meglio la società.
Per vincere, i grandi marchi di prodotti di largo consumo devono costruire capacità di marketing in cinque aree critiche, tra cui: agilità e rapidità di commercializzazione, approccio incentrato sul consumatore, innovazione, processo decisionale basato sui dati e uno storytelling che si concentri sulle differenze significative del brand
Nel 2024, i marchi sfidanti continueranno ad avere successo a livello globale concentrandosi su tre aree:

  • Mercati di nicchia e prodotti unici.
  • Sfruttamento delle piattaforme sociali e degli influencer per crescere.
  • Leader con finalità e innovazioni in materia di sostenibilità.

3. Nuove soluzioni per il pricing
Come devono reagire i marchi all’inflazione che colpisce le tasche dei consumatori e ai prodotti a marchio proprio che guadagnano quote? Gli approcci comprendono la rimodulazione dei prezzi, il riproporzionamento (shrinkfltion) e gli sconti. Lo studio Brand Footprint di Kantar documenta il cambiamento delle abitudini di acquisto dei consumatori dovuto all’inflazione globale e alla crisi del costo della vita, con le famiglie che passano sempre più spesso alle private label (+6,3%), ai rivenditori più economici (+10,2%) e ai marchi più piccoli e locali.
Tuttavia, nel 2024 si assisterà anche a una gestione dei prezzi più sofisticata, come la suddivisione del mercato per soddisfare i clienti meno vincolati, nonché i consumatori alla ricerca di valore attraverso la premialità (premiumisation).
I top brand stanno aumentando il loro potere di determinazione dei prezzi: nella classifica Kantar BrandZ del 2023, il 52% dei brand ha raggiunto il livello superiore nel modello di determinazione dei prezzi strategici, rispetto al 42% del 2020.
Nel 2024, i marketer si dedicheranno alla gestione dei prezzi per garantire che prezzo e valore siano in sincronia.
I marchi di successo stanno quindi diventando sempre più premium e non prevediamo che questa tendenza si fermi nel 2024, in quanto aumenta i margini del portafoglio marchi e massimizza la quota in tutti i segmenti di clientela.

4. L’importanza della ricerca
Secondo le stime, nel 2024 verranno effettuate 6,3 milioni di ricerche su Google ogni minuto e il database Connect di Kantar mostra l’importanza crescente dei motori di ricerca online come quinto touchpoint più forte per l’impatto sul marchio, rispetto al 2018 quando era solo undicesimo.
Dopo le fasi precedenti di ricerca e abbinamento basate su parole chiave e di classificazione e pertinenza algoritmica, la ricerca sta ora attraversando un periodo rivoluzionario grazie all’IA, l’era dei modelli linguistici di grandi dimensioni.
Nel 2024 ciò significa che la ricerca è fondamentale per comprendere il viaggio del cliente alla ricerca di un marchio. È fondamentale analizzare l’intento delle parole chiave e il modo in cui vengono utilizzate oltre a sfruttare le tendenze emergenti della categoria. Questo è il momento per i marchi di rivedere la loro strategia digitale e i loro contenuti per garantire che si presentino dove sono i consumatori, con autorevolezza e con l’intenzione di rimanere all’avanguardia.

Per concludere

Solo le aziende che sono in grado di essere al passo con i tempi e offrire ciò che i loro consumatori desiderano veramente otterranno i migliori risultati costanti nel lungo periodo. Noi lo sappiamo e abbiamo aiutato molte aziende a farlo.

Ti assistiamo nello sviluppo di una strategia efficace e pragmatica, basata su una profonda comprensione dei clienti. Combiniamo una profonda esperienza funzionale nelle vendite, nel marketing, nel pricing e nella gestione dei prodotti con una ricca raccolta di strumenti e benchmark per assicurarti di raggiungere e mantenere grandi risultati tutto l’anno.

Dai un’occhiata al nostro portfolio e guarda cosa abbiamo già fatto per i nostri clienti.

Curiosità

Cosa è Kantar?
Kantar è un’azienda leader a livello mondiale nel settore dei dati e delle analisi di marketing e brand partner indispensabile per le aziende più importanti del mondo, tra cui 96 dei 100 maggiori inserzionisti del mondo.

LINK VELOCI

Portfolio

INDIRIZZI

Sede Emilia Romagna

Via Ungheria 22, Cento (FE) – 44042
Tel: 051 4086022
E-mail: info@flyerbox.it

Sede Puglia

Viale Aldo Moro 28, Latiano BR – 72022
Tel: 051 4086022
E-mail: info@flyerbox.it

NEWSLETTER

Iscriviti subito alla newsletter e ricevi un buono di benvenuto da 5 Euro per il tuo prossimo ordine.

© Copyright 2022 Flyerbox S.r.l.s. Partita IVA/Cod. Fisc. 02528180744 
Privacy Policy | Cookie Policy