ClickCease

• STORIA DELLA STAMPA: LA LINOTYPE •

La velocizzazione del processo di composizione tipografica fu l’obiettivo di molti inventori ed editori nell’Ottocento. La linotype è il risultato di questa ricerca e fu preceduta da una serie di macchine. Tuttavia la linotype e l’azienda che l’ha prodotta hanno dominato il mercato grazie alla sua funzionalità e accessibilità (e anche ai suoi brevetti).

Dalla rivoluzione Gutenberg fino agli anni Ottanta del Novecento, le lettere dovevano essere fuse singolarmente in stampi e messe in ordine a mano, al contrario e in ordine inverso. Sebbene un compositore esperto fosse in grado di impostare i caratteri con grande velocità e precisione (entrambi parametri che spesso determinavano le retribuzioni), il processo era comunque lento. La linotype rivoluzionò la composizione tipografica e permise a giornali e periodici di aumentare la produzione.

La Mergenthaler Linotype Company

A metà del XIX secolo, l’industria della stampa aveva visto il progresso della tecnologia in quasi tutti gli aspetti del mestiere, tranne che in quello della composizione tipografica; i caratteri venivano ancora noiosamente impostati e distribuiti a mano, come si faceva dai tempi di Gutenberg. Si scatenò la corsa all’invenzione della macchina che avrebbe risolto il problema.

Molti parteciparono a questa gara con scarso successo, compresi personaggi famosi come Mark Twain, che investì le sue fortune nella sfortunata Paige Compositor. L’onore andò a un giovane immigrato tedesco, Ottmar Mergenthaler, che nel 1886 regalò al mondo la macchina linotype, una delle più grandi invenzioni dopo il perfezionamento di Gutenberg dei caratteri metallici mobili.

Ottmar Mergenthaler, immigrato tedesco a Baltimora, ingegnere di professione e orologiaio per esperienza, fece parte del team che nel 1876 fu incaricato di inventare una macchina fotocopiatrice per accelerare il lavoro degli stenografi di tribunale.

Nel 1884, Mergenthaler rinunciò a molti prototipi e si concentrò invece sul concetto di fusione di un’intera linea di caratteri in una sola volta. Nel 1886 trovò l’assetto giusto e lanciò la sua azienda: La Mergenthaler Printing Company. In seguito sarebbe stata conosciuta in tutto il mondo come Mergenthaler Linotype Company.

Uno dei finanziatori del progetto fu Whitelaw Reid, editore del New York Tribune. Fu quindi il New York Tribune a testare per la prima volta le linotype nel 1886.

Dopo qualche anno, il Tribune diffuse il suo successo sul giornale. L’articolo del 19 maggio 1889 racconta i primi tentativi di realizzare una macchina per comporre e di come, anche quando nel 1886 furono disponibili le linotype, i primi modelli dovettero essere modificati in molti punti.

Nel luglio del 1886, la prima linotype fu completata e collocata nella sala di composizione del New York Tribune.

Poiché la macchina veniva continuamente migliorata, altri giornali si affrettarono ad aggiungere le linotype alla loro produzione di stampa. I giornali ostentavano le loro linotype e condividevano con i lettori la meraviglia della macchina a caldo. La chiamavano “la macchina del secolo” e “quasi umana” nel suo funzionamento.

Alcuni giornali pubblicarono persino delle poesie al riguardo! Una di queste si intitolava “L’efficienza della linotype sul Bee” e fu pubblicata sull’Omaha Daily Bee nel marzo del 1917.

Mergenthaler era un uomo infinitamente dedito alla perfezione delle sue macchine, come dimostra la perseveranza con cui cercò di migliorare la composizione tipografica. La sua invenzione fu descritta da Thomas Edison come “l’ottava meraviglia del mondo”.

Linotype: ieri e oggi

Il nome della macchina deriva dal fatto che produce un’intera linea di caratteri metallici in una sola volta, quindi una line-o’-type. Si trattava di un miglioramento significativo rispetto al precedente standard industriale, ossia la composizione manuale dei caratteri, lettera per lettera, con l’ausilio di una bacchetta di composizione e di vassoi suddivisi in modo poco profondo, chiamati custodie.

La macchina linotype faceva molto di più che mettere in ordine i caratteri. Seduto alla tastiera della macchina, un operatore di linotype digitava le lettere e gli spazi. In questo modo, uno stampo di ogni lettera, chiamato matrice, usciva dalla parte superiore della macchina.

Una volta completata una riga, la macchina versava il metallo liquido nello stampo e imprimeva i caratteri nuovi, tutti collegati in una linea.

Poiché le matrici erano impostate su una lunghezza predeterminata, disporre le righe in colonne di giornale era semplice.

Come fase finale, la linotype portava le matrici nella parte superiore della macchina e le distribuiva di nuovo al loro posto. Il trucco di questo processo consisteva nel dare a ogni matrice una serie distinta di tacche che la macchina poteva “leggere” e rilasciare nella posizione corretta. Se si voleva cambiare font, bisognava togliere il caricatore e inserirne un altro.

La nuova macchina riduceva la manodopera e risparmiava spazio, rivoluzionando la composizione tipografica, in particolare nell’editoria dei giornali.  Un solo operatore poteva prendere il posto di sei persone che impostavano i caratteri a mano. Inoltre, era molto più veloce di altre macchine e permise a giornali e periodici di aumentare la produzione.

La linotype divenne uno dei principali metodi di composizione tipografica, soprattutto per i testi di piccole dimensioni, per giornali, riviste e manifesti dalla fine del XIX secolo fino agli anni ‘70 e ‘80, quando fu ampiamente sostituita dalla fototipia e dalla composizione tipografica computerizzata.

Quando la stampa a freddo e l’elaborazione al computer migliorarono ulteriormente l’efficienza della composizione, gli operatori della linotype furono costretti ad accettare la fine dolceamara di un’epoca. Nell’edizione del 3 luglio 1978 del New York Times, diversi articoli e foto vennero dedicati a mostrare il passaggio dalla stampa a caldo e dal metallo alla stampa a freddo e alla carta. Il lavoro artigianale di un giornale sarebbe stato svolto da un computer, sostituendo le ultime 61 linotype del Times.

Oggi esistono ancora alcune linotype funzionanti. Anche se il loro tempo è passato, rimangono un’incredibile – e grande! – invenzione, uno strumento per la diffusione del sapere e una conquista per la storia umana.

Per concludere

La forza della stampa sta nella macchina da stampa e negli addetti che la usano. Fortunatamente, il nostro reparto stampa dispone di entrambi e ogni giorno lavoriamo per fare la differenza mettendo a disposizione le migliori competenze per realizzare la tua stampa.

Guarda il nostro catalogo e chiedi un preventivo!

Curiosità

Qual è il primo libro realizzato con la linotype?
Nel luglio del 1886, la prima linotype fu completata e collocata nella sala di composizione del New York Tribune. Fu utilizzata per contribuire alla composizione del quotidiano e del primo libro “stampato senza caratteri, essendo il primo prodotto in forma di libro della macchina Mergenthaler che sostituisce completamente l’uso dei caratteri mobili”, The Tribune of Open-Air Sports. Oggi è un pregiato oggetto da collezione.

LINK VELOCI

Portfolio

INDIRIZZI

Sede Emilia Romagna

Via Ungheria 22, Cento (FE) – 44042
Tel: 051 4086022
E-mail: info@flyerbox.it

Sede Puglia

Viale Aldo Moro 28, Latiano BR – 72022
Tel: 051 4086022
E-mail: info@flyerbox.it

NEWSLETTER

Iscriviti subito alla newsletter e ricevi un buono di benvenuto da 5 Euro per il tuo prossimo ordine.

© Copyright 2022 Flyerbox S.r.l.s. Partita IVA/Cod. Fisc. 02528180744 
Privacy Policy | Cookie Policy